MMirthatesti

Homepage....Indici

 

SCHEDA PERSONALE

Tullio Brunone, Alessandria d’Egitto, è stato titolare della cattedra di Progettazione Multimediale al Dipartimento di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Brera ed è stato curatore del Laboratorio di Linguaggi Multimediali all’Università Cattolica. Agli anni settanta risalgono le prime operazioni: fondazione del Laboratorio di Comunicazione Militante , l’ intervento alla Biennale di Venezia , Strategia d'informazione ecc. E’ il periodo dell’analisi e dell’approfondimento del linguaggio dei mezzi di produzione delle immagini, dove l’attenzione dall’interno del mezzo, é trasferita all’esterno, cioé sui contenuti “storici” di cui il mezzo, con proprietà specifiche, é veicolo. Da quegli anni, intensamente vissuti socialmente, il lavoro si é sviluppato verso le nuove potenzialità “poetiche” che l’evoluzione dei media proponeva inesorabilmente.Ecco dunque la necessità di allargare i confini della “visione”, attribuendo allo spazio visivo una diversa profondità, facendo coesistere l’ambiente con l’ambiente elettronico. E' il periodo di VIPER (Lucerna), Festival di Locarno, Eurovisioni (Roma), TRANSIT ( ORF – Ferdinandeum-Innsbruck). Le riflessioni sul problema del tempo, hanno ampliato e moltiplicato gli aspetti disciplinari, introducendo la necessità di utilizzare quei linguaggi che la multimedialità e l’elettronica permettono di controllare.Teatro dell’ascolto ( Festival Santarcangelo ), Riflessioni ( Diecidue - Milano ), Virtual Light (Bari) METRODORA (Festival TTVV-Riccione ), RADIO LADA ( RSM) ecc segnano la confluenza di diversi linguaggi nell’interattività e nell’approfondimento dello spazio “virtuale”.Lo sviluppo di sistemi operativi tendenti ad affrontare la complessità del sistema sensoriale, la progettazione di software in grado di approfondire le capacità espressive e di attribuirne “profondità”, identificano stato della ricerca degli anni 80/90 Operazioni come OPERA TOTALE, (Venezia/Mestre-Teatro Toniolo), Segnali d’Opera (Gall.d’Arte Moderna-Gallarate), RIFLESSIONI, (Push the button play – Berlino) – INTERMEZZO ( Museo Ala Ponzone – Cremona) –I MESTIERI DI ERGON (Palazzo M-Latina), segnano lo sviluppo e lo stato attuale del software.Degli anni 2000 la progettazione e realizzazione di uno spettacolo interattivo: LE VOCI DEL VULCANO (La torre di Hoelderlin) - Compagnia Verdastro-Della Monica- Xlabfactory con Massimo Verdastro e Francesca Della Monica. Immagini e progetto interattivo di Tullio Brunone. Testo e drammaturgia di Andrea Balzola. Regia teatrale di Massimo Verdastro e A.Balzola. Sound design e musiche di Mauro Lupone. Organizzazione e curator Anna Maria Monteverdi. Contemporaneamente, in seguito ad un approfondimento sul lavoro sociale e politico degli anni settanta, una serie di manifestazioni hanno avuto come riferimento il lavoro del Laboratorio di Comunicazione Militante culminate con le mostre al PAN di Napoli, al MLAC, Università alla Sapienza di Roma e proseguita poi con la grande mostra alla galleria Mudima di Milano con relativa presentazione del volumeARMAMENTARI a cura di Angela Madesani edito da Dalai. Lo sviluppo della ricerca di Tullio Brunone, negli anni duemila si proietta sempre più verso l’allontanamento dall’orientamento estetico spettacolare ed enfatico della visione contemporanea che la contaminazione tecnologica ha impresso, per concentrarsi sugli aspetti, in realtà abbandonati dalla visione comune, di quello che è l’aspetto neo linguistico e profondo che le tecnologie generano e producono. Sono quindi i termini di coesistenza fra lo sviluppo tecnico e l’approfondimento del pensiero etico nella ricerca sempre più simbiotica di questi due aspetti.Sono di questo periodo gli autoritratti elettronici, le installazioni “Cartelame” alla Gas di Torino e la “Pala delle attribuzioni e predella con le trasfigurazioni” nella mostra Lo spettatore emancipato curata da A. Madesani. Si evolve poi con la ricerca sulla visione e sullo sguardo con gli ultimi aspetti dello sviluppo sensibile dell’ambiente e del pensiero.

 

 

 

tullio.brunone@fastwebnet.it -tulliobrunone@gmail.com - tulliobrunone@libero.it - ph ++39 0266985497 - cell ++39 3881896585... fax ++300292876910